Università, sempre più corsi di laurea sono a numero chiuso

Si dibatte sempre della possibilità di rendere l’Università libera e accessibile a tutti ma poi, in concreto, i fatti sembrano andare in senso completamente opposto. Questo almeno è quanto risulta da una statistica pubblicata sulle pagine del sito di Repubblica ove si evidenzia il problema della crescita esponenziale dei corsi di laurea a numero chiuso. Se infatti fino a qualche anno fa essi rappresentavano il 37% sul totale, oggi la percentuale è arrivata al 47%.

Quali i motivi di questa scelta?

I motivi sembrano essere riconducibili a fattori di carattere logistico e strutturale. Molte delle Università, infatti, non godono di strutture e luoghi adatti a ospitare una moltitudine di studenti. Questo fenomeno si accompagna al fatto che vi è ormai una concentrazione degli studenti negli Atenei del Nord. Infatti gli unici Atenei in cui si verifica il fenomeno esattamente opposto (e cioè un aumento dei corsi di laurea a numero aperto) sono quelli meridionali in cui si registra un drastico e preoccupante calo delle immatricolazioni.


Studenti del futuro sempre più avranno a che fare con test di ingresso

Pertanto ormai quasi tutti gli studenti avranno a che fare con test di ingresso per accedere all’Università. Un’ulteriore problematica che si aggiunge a quelle solite e note dell’Università italiana.