Nuovo corso di Medicina a Enna, arriva la diffida del Miur

“Abbiamo diffidato tutti i soggetti coinvolti nell’eventuale istituzione a Enna di un corso di Medicina di una università romena, dal rettore della Kore, ai vertici della Fondazione Proserpina al presidente della Regione Siciliana a non fare nulla, a stare inattivi prima che il ministero abbia chiarito gli eventi”. Con queste parole il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha di fatto bloccato l’iter dell’istituzione del nuovo corso di laurea di Medicina all’Università Kore in partenariato con un’Università rumena.

Il caso aveva fatto discutere e non poco nei giorni scorsi, specialmente perchè a breve si terranno i test di ingresso a Medicina di tutti coloro che hanno fatto domanda di accesso per l’Università pubblica. Molti i dubbi sul nuovo corso, a cominciare dal fatto che tutti i docenti sarebbero provenuti direttamente dall’Ateneo romeno di riferimento (quello cioè della città di Galati, ndr).


“L’Università di Enna con la facoltà di medicina sta seguendo un percorso del tutto inesistente – ha proseguito il ministro Giannini – e su cui è necessario fare chiarezza. E bisogna farlo per quei 70mila studenti che si stanno preparando al test d’ingresso e a cui va il mio più grande in bocca al lupo. È bene che questi sappiano che non c’è l’ingresso di un nuovo soggetto”. Parole condivisibili. E che bloccano l’istituzione del nuovo discussissimo corso di laurea. Almeno per il momento.