Spese pazze all’Università di Catania: migliaia di euro per arredamento e…..

Che fine fanno i soldi delle tasse, spesso eccessivamente elevate, pagate dagli studenti dell’Università di Catania? Oggi un interessante articolo di SudPress, giornale online d’inchiesta locale, afferma che all’Unict ci sarebbero spese pazze che garantiscono un lusso del quale, probabilmente, non ci sarebbe neanche tanto bisogno. Sarebbe certamente meglio investire questi soldi in miglioramenti di servizi allo studente, troppo spesso carenti ed insufficienti.

Riassumendo l’articolo della nota testata giornalistica sarebbero stati spesi ben 21.960 euro per l’installazione di una porta scorrevole; 30.000 euro per la tinteggiatura del corridoio della Direzione Generale; per le adeguare gli impianti ad alcune nuove postazioni poste nella sede della Direzione Generale sono stati spesi 26.000 euro; infine per rifare l’impianto di illuminazione spesi 11.224 euro.

Queste sono solo alcune delle spese avute, se volete leggere l’articolo per intero potete cliccare qui.


Da sottolineare anche come “ai Revisori viene anche specificatamente segnalata la spesa per la porta scorrevole, per quale i 20.690 euro spesi sembrerebbero, “applicando i principi del buon padre di famiglia”, alquanto fuori mercato” (testualmente citato dall’articolo di SudPress).

Che dire? Ecco come vengono spese le tasse pagate da centinaia di studenti universitari, alcuni dei quali fanno sacrifici immensi per mantenersi gli studi. C’è chi questo problema sembra invece non porselo o comunque non abbastanza.