Classifica delle materie più facili e difficili a Giurisprudenza

Sebbene la difficoltà di ogni materia non si possa misurare in base a parametri oggettivi e universali, ci sono alcune materie che rappresentano uno scoglio insormontabile per qualsiasi studente. Materie che fanno disperare, fanno passare le notti in bianco, fanno valutare l’opportunità di cambiare facoltà, insomme materie che rappresentano per tutti un vero e proprio incubo. D’altro canto ci sono invece materie che anche lo studente meno diligente riesce a studiare con molta facilità. Oggi ci occuperemo delle materie più facili e più difficili dei corsi di laurea in Giurisprudenza.

Tra le materie più difficili storicamente rientrano il Diritto Privato e il Diritto Costituzionale anche perchè, dovendole studiare al primo anno senza una grande esperienza nello studio del diritto, viene a mancare la formazione necessaria per poterle studiare rapidamente e agevolmente. Le altre materie più complesse sono il Diritto del Lavoro, il Diritto Commerciale, Procedura Civile e Penale, Diritto Tributario, il Diritto Amministrativo e il Diritto Penale. Sono questi gli scogli principali che si trova ad affrontare chi vuole intraprendere la carriera giuridica.


Tra le materie più facili, oltre ai classici insegnamenti opzionali che ogni corso di laurea propone, possiamo trovare certamente la Storia e la Filosofia del Diritto. Anche inglese e informatica non vengono trattate con grandissimo approfondimento in Giurisprudenza.

Queste sono le materie più facili e difficili secondo noi. Se ne trovate altre potete utilizzare sotto lo spazio dei commenti. Grazie 🙂